Ritratto

OLTRE

Panoramica di Fermo

Il ritratto, si sa, è una cosa intima.                                                                                                  Se non si cerca soltanto la semplice icona del soggetto inevitabilmente si dovrà fare i conti con la complessa profondità della materia. Il ritratto ci parla delle persone, della storia, della società, del modo di porsi. Ci parla di continuità e cambiamento.                     Il ritratto è umiltà e protagonismo. Il fotografo tace e cerca di conoscere e di capire l’altro, l’altro si apre o si chiude, si nasconde o si svela. A volte è il soggetto stesso che si interroga e si affida all’occhio del fotografo nella speranza, a sua volta, di trovare se stesso.

Chi siamo e come siamo, chi siamo davvero e cosa invece vogliamo apparire.

Il dubbio la fa da padrone: vestirsi bene, vestirsi male, non vestirsi per nulla. Tutto è possibile.UntitledIn questa ricerca ho voluto costringermi entro uno spazio semplice e delimitato volutamente ordinato: un fondo nero unificante dipinto a mano con piccole significative imperfezioni, uno spazio identico per ciascuno dei miei soggetti.

Tutto è cominciato quando una ragazza sudamericana che ancora non aveva compiuto i diciotto anni mi ha chiesto di fare  un ritratto alla sua maternità. L’ho vista arrivare timida ma decisa nel mio studio, bella in quel suo vestito, proprio quello che aveva scelto per quella immagine. Prima di entrare stacca dal giardino una camelia bianca, simbolo della sua purezza, ho pensato io.CARLAweb sizeAveva così tanto dentro che ho pensato di non aggiungere nulla, perchè aggiungere sarebbe stato sottrarre alla profondità del soggetto e alla lirica del momento.

Ho voluto applicare la stessa disciplina alle altre immagini che ho realizzato per questa ricerca. Ho rispettato e apprezzato le scelte delle persone come parte fondante del progetto: come vestirsi, che atteggiamento avere, almeno inizialmente l’ho lasciato decidere a loro stessi.lucio e martaE poi c’entra anche il momento che tutti stiamo vivendo. Un paese che a molti di noi sembra sempre più indigeribile, insomma un posto dal quale i nostri figli non vedono l’ora di fuggire, può essere raccontato mettendo in risalto il suo opposto: l’intelligenza, la bellezza, la solidarietà, l’allegria, l’arte, la semplicità, il rispetto, la gioia, l’esperienza, la cultura, l’umanità ecco questi sono stati i miei soggetti e ora so che posso condividere questo momento di ottimismo. Io l’ho chiamato OLTRE. Poi l’ho chiamato ALTRO, e poi ho finito per non ricordarmi più se l’avevo chiamato nell’uno o nell’altro modo, perchè Oltre è Altro.

CartolinaFronte

 

 

P.s. Oggi voglio ricordare il grande amico e maestro di vita Mario Dondero che volle questa esposizione alle Cisterne Romane di Fermo nel 2014 in occasione della presentazione del suo Archivio donato alla città.

Reportage, Ritratto

Ritratto di un Parco

DSCF2703xwsNel corso del 2001 Sergio Pellizzoni e Silvio Anderloni mi hanno chiamato a realizzare uno dei lavori più belli e coinvolgenti che mi sia mai capitato di fare.costruzione pontileSi voleva realizzare un libro che fosse il ritratto di un parco e della gente che lo vive come un quadro composito che seguisse l’andamento delle stagioni e delle diverse attività che in questo si svolgono. Giorno dopo giorno il Parco è entrato nella mia vita. Mi appassionava raccontare il “luogo” attravero i “ritratti”. Con il passare del tempo il parco mi diventava familiare, i suoi abitanti, amici. I pescatori mi hanno reso partecipe della loro passione e delle loro superstizioni; ho vissuto con gli ortisti i momenti di scoramento per gli odiati sassi che infestavano la loro terra e ho condiviso la loro gioia per la crescita degli ortaggi; ho seguito i bambini che scoprivano il bosco e gli anziani che si ritrovavano attorno alle loro biciclette. tritticoHo apprezzato il lavoro di chi ha messo la propria intelligenza al servizio del progetto, ho capito l’importanza di tutto questo, ho condiviso l’allegria della festa, la creatività di chi ha trasferito la propria passione al parco per poterci danzare, fare ginnastica, portarci il cane, parlare di politica, dare il primo bacio, sentirsi parte di un gruppo con cui condividere il tempo.bosco in cittàvisita scolastica nella nebbiastorionepasseggiata sui trampolilo sguardo dell'accrobataocchi chiusivolontario copre una bucaguado 2giocoliere tra i trampolicavallo e paperecagnilino col paltòattenti all'uomo192021assegnazione orti - riunione393101In conclusione posso dire che questa esperienza è stata molto positiva e voglio ringraziare Sergio Pellizzoni e Slvio Anderloni che, insieme ad Italia Nostra, hanno creduto e dato vita a questo progetto.

Ritratto, tecnica

Cani e altri animali

Mi piace molto quando la persona che mi appresto a ritrarre arriva con il suo cane o con un altro animale. Certo, in questi casi si aggiunge qualche elemento di difficoltà, ma la sfida è stimolante. La posizione del cane è molto importante e, nella maggior parte dei casi, non si trova immediatamente. Il soggetto del ritratto è spesso preoccupatissimo per questo motivo e la tensione si vede. Il fotografo deve tendere a scaricare questa tensione assumendola su di sé.signora giappo con lupo002

Come in ogni ritratto, non c’è una regola e non c’è mai una sola soluzione. In generale però la fisionomia del cane ne dovrebbe descrivere la dignità, evitando atteggiamenti di sottomissione. Molto importante è cogliere la sinergia tra l’animale e l’umano, la gioia di stare insieme.

Mi è successo di incontrare cani che non sopportavano il lampo dei flash da studio. Ho capito che quel baglliore ricordava loro il terrore del temporale; la soluzione è stata cambiare illuminazione ed usare la luce continua.

Sicuramente ogni animale ha il suo modo di essere e la sua postura. Ci sono soggetti che trovano la loro miglior forma di rappresentazione nel mostrarsi statuari, altri che si descrivono meglio in atteggiamento affettuoso con il proprio padrone.

Andrea e Antonella 4125

La difficoltà di cui si accennava all’inizio è quella di riuscire a ritrarre nel migliore dei modi non solo i cani, ma anche i soggetti umani. In fondo, il segreto è sempre lo stesso, e cioè trasmettere calma e una sensazione di sicurezza, senza fretta e ansia di raggiungere la perfezione: quella prima o poi si troverà.

3 cani ws

 

 

 

 

 

Ritratto

Tommaso e Renata. Remake!

Tommaso e Renata mi chiamano per ritrarre la loro famiglia.

stampa IMG_9724 corretta ws

Che bello, dico, come venticinque anni fa! Sì, perchè allora erano venuti in studio e insieme avevamo fatto uno dei miei primi ritratti di famiglia. Ricordo bene quel giorno, loro erano molto “tardo hippy”.

tommaso, Renata and family antica ws

A distanza di tutti questi anni si è ricreata la stessa atmosfera divertente, tra vecchi amici, tanto che decidiamo di rivisitare la stessa posa di allora.

20x25 non cotone IMG_9735 ws

 

Reportage, Ritratto

Zi’ Luisichedda

Era il 1993 e il Touring mi chiamò per fare una guida turistica della Sardegna veramente diversa. I luoghi selezionati erano inusuali, densi di significato, molto rispettosi della cultura sarda. Da questa esperienza ho imparato ad amare la Sardegna. In questa immagine la casa di Zi’ Luisichedda di cui veniva proposta la visita. Dimenticavo, la guida non venne mai stampata, forse il marketing ha preferito la solita immagine dell’isola cui siamo abituati.

COMU REMY F11